Il Quarto Paesaggio al Villammare Film Festival 2012: immagini e musica di futuro arcaico in Cilento

Dal 22 al 25 agosto 2012, si svolge a Villammare il noto Festival del Cortometraggio organizzato dall’emittente 105TV e dal suo patron Alessandro Cocorullo; un concorso che ospita giovani corto-makers che presenta pellicole cinematografiche di importanti registi italiani, con dibattiti e approfondimenti di carattere culturale.
L’ouverture della serata conclusiva, il 25 agosto, si intitola “Musica per immagini: antichi suoni contemporanei” e performance del musicista Francesco Grigolo intitolata “Il Coro dei Cor(n)i”, già presentata seppur in forma ogni volta diversa quest’anno a Novi Velia nell’ambito del Festival della Natura 2012.
Il Coro dei Cor(n)i nasce da un lavoro svolto nell’ultimo anno dal Laboratorio della Città del Quarto Paesaggio di Casale Il Sughero – Ateneo Nomade Triangolare, concepito da Pasquale Persico e realizzato da Francesco Grigolo in stretta collaborazione con Pasquale Napolitano (autore del video) ed altri artisti-tecnici del suono delle immagini e con Amedeo Trezza nell’ambito delle ‘Lezioni dell’Ateneo Triangolare’.
Suoni allo stesso tempo arcaici e contemporanei che stimolano e interpretano, convocano e risemantizzano i luoghi sublimi del Parco Nazionale del Cilento, suoni nomadi come le lezioni che il musicista itinerante ha offerto all’Ateneo-Laboratorio di Vibonati e che ora ci offrirà a Villammare.
Scrive Pasquale Persico: “Il common ground della piazza di piazza di Porto Salvo, nei giorni del Festival, è un esperimento urbano di grande interesse […] è uno spazio di sperimentazione dei linguaggi capaci di ricucire frammenti sociali e istituzionali […] fino ad allargare la visione della città possibile, inclusiva e generatrice di nuova urbanità […]. Il Coro dei Cor(n)i propone un coro di suoni e parole capaci di rigenerare il rapporto tra natura e città esplicitando in maniera creativa la capacità di intrecciare aspettative e visioni degli uomini e delle donne che amano il cinema, la musica e il buon cibo, tutti ingredienti per una nuova ecologia della mente”.
A pochi giorni dalla performance di Villammare il maestro Grigolo scrive: “L’amore obbedisce a ciò che esiste, è il cemento della realtà  che dai culmini lontani su altri culmini s’inarca La presunta importanza della musica “culturale” oscura l’essenzialità, come la funzione consolatoria di una certa arte cinematografica. Osservare le deformazioni, ossia decodifica musicale del territorio del parco, occuparsi del vero.
Non so alzare la realtà nel quarto paesaggio, l’abbandono a favore dell’estetica su altri culmini s’inarca s’inarcasuono extraestetico, regressivo, resiliente, arcaico, precedente alla determinazione dell’artes’inarca La gente vala musica non si identifica con il mondo, si articola, si auto-determina in se stessa, si commisura al mondo esteriore in un linguaggio privo di parole, privo di concetti, linguaggio degli angelimitologicamente ciecotrascendente in movimenti di nuoto. braccia abbandonate avanti senza dolore e senza fatica. Im-mediatezza musicale, vicinanza emotiva nella realtà separata, Senza disturbare Ascoltare discreto e riservato La gente va passeggiando sotto questo grande cielo che dai culmini lontani su altri culmini s’inarca  l’orchestrale disciplinato. La gente va passeggiando sotto questo grande cielo che dai culmini lontani su altri culmini la montagna ride di un’altra bella notte protetta dalla memoria e dalla coscienza senza nostalgia, con colori che i nostri occhi ormai non vedono, Colori musicali come dimensioni, paesaggio reale. El arte es garantia de salud
Sito web: www.villammarefilmfestival.it

Villammare Film Festival 2012 Dal 22-08-2012 al 25-08-2012.A Villammare.

Articoli Correlati